Shop Mobile More Submit  Join Login
About Artisan Crafts / Professional Giusy MorettiFemale/Italy Recent Activity
Deviant for 2 Weeks
Needs Core Membership
Statistics 17 Deviations 1 Comment 17 Pageviews
×

Newest Deviations

Favourites

No Favourites yet.

Watchers

No watchers yet.

Groups

This user is not currently part of any groups.

Activity


Ancient Brooch Moro
| SPILLA DEL MORO
| Giusy Moretti, 2000
Moro antico con lavorazione a traforo su argento, inciso a bulino, e decorazione applicata in murrina con Papa Leone XIII e orecchini con murrine raffiguranti Vittorio Emanuele.
Il rubino e le rosette pendenti originali sono state sostituite dalle murrine realizzate da Vincenzo e Luigi Moretti nel 1888.
Oro giallo 18Kt, perla (sopra al turbante), murrine e diamanti taglio rosetta.

| BROOCH "MORO"
| Giusy Moretti, 2000
Ancient brooch "Moro" processing of silver and gold, engraved with the "bulino", and applied decorative murrina with Pope Leo XIII and earrings with murrine depicting Vittorio Emanuele.
Originals ruby and diamonds pendants were replaced by murrine made by Vincenzo and Luigi Moretti in 1888.
18K yellow gold, pearl (top of the turban), murrine and diamonds
Loading...
Il Capodanno Cinese ha sancito l’inizio dell’anno del Gallo di Fuoco.

www.blogdeipreziosi.it/2017-la…
embedded_item1486976511726 by giusymoretti
L'Uovo del Gallo - Oro giallo
Yellow Gold & Ruby pendant: six Murrine “il Galletto” made by Ulderico Moretti in 1923 
Loading...
Cat by giusymoretti

Sfoglia il catalogo della mostra
The personal design of the jewellery and the refinement of the gold work represent the frame of these rare and peerless murrinas, for their beauty and great value, realized between 1873 and 1924.


The murrinas contain an incomparable historic and artistic value and they are set side by side with noble materials, such as gold, and precious stones that reflect their light and create original models, unique pieces as unique and in a very limited number are these small glass masterpieces.


Brooches, rings, bracelets, earrings, cuff'links and necklaces are designed and created by hand, keeping in mind the subject they will contain.

The Cock's Egg

represent the latest original creation that exalts the great value of the murrinas giving ideal continuity and paying homage to the artistic expression of those craftsmen who gave free play to their real love for glass through these small glass pieces.

Set in "The Cock's Egg", richly adorned by gold embroidery and inlays, rubies and diamonds, reflected in the noble metal, the murrina becomes the absolute protagonist of this jewel.

"The Cock's Egg" is turned out from the goldsmith s workshop in the following models: ring and pendant. True pieces of a collection.
Giusy Moretti - who will always remain bound to her father Ulderico and to his work - loves to tell how, when she was a child, she was given a cardboard box containing these small, brightly coloured, wonderful glass miniatures, the fruit of the her father's, grandfather's and great-grandfather's work.

The transition from childish games to the world's art galleries was certainly not automatic: setting the "gems of Italian artisan art" into frameworks of gold and precious stones - thus creating an amazing and absolutely new collection of jewellery - was the result of professional maturity deriving from a deep, unending love of her family's work.

Giusy Moretti only began to exhibit and sell her collection in the '90's when she decided to bring the old art of the murrina back to life, opening up to the world this singular and fascinating window on the Morettis and their memorable business - until the last murrina is sold. Before then she had always kept her creations for herself, linking each new piece of jewellery to a particular moment in her life or to important anniversaries.

All the pieces, which are exclusive (and limited to the physical existence of the murrine in the collection), are designed and made with careful thought as to their final setting: brooches, rings, bracelets, earrings and necklaces whose design is closely supervised together with the goldsmith's work.

She shows a passion and sensitivity that are unmatched. For Giusy Moretti the creation of a piece of jewellery is not a mere job: it is giving an ideal continuity to the work of her father Ulderico, of her grandfather Luigi and of her great-grandfather Vincenzo; after producing the daily quota of glass for business, these family members could, in the creation of the murrine, give free rein to their love of glass, and to their ardent participation in the Country's and island's historical events of which - in their own way - they were undoubted protagonists.
Late XIX century glass-making on Murano found one of its best prepared and most sensitive exponents in Vincenzo Moretti (1835-1901). In fact it is thanks to him - as designer-craftsman in Antonio Salvati's Compagnia di Venezia e Murano - that murrino glass was introduced onto the island, adopting the same procedures that had once been used in Alexandrian and Roman times.

Gold medal winner at the second Murano glass exhibition in 1869, Moretti glass was to reach its moment of glory in 1878 during the Paris World Fair where the pieces of glass by this skilled craftsman were described as "the most beautiful gems in Italian artisan art".

The movement to recuperate the ancient techniques, stimulated by a sort of artistic revenge, was to culminate in the production of some wonderful murrina portraits which, not by chance, were on a patriotic theme: together with his son Luigi (1867-1946), who went on to continue his work, they first produced some geometric patterns, flowers and birds, before creating not only King Vittorio Emanuele II, King Umberto I, Giuseppe Garibaldi, Emperor Francis Joseph and William of Prussia, but also a self portrait, the Madonna, Pope Leo XIII and Christopher Columbus, created for the fourth centenary of the discovery of America.

The fact that the artistic murrine, over and above the firm's output (Luigi Moretti, together with his father and his brothers Vittorio and Cesare, founded "Moretti Luigi & Bros." in 1900), are a real family passion, also becomes clear with Ulderico (1892-1956) who, after the Municipality of Murano was annexed to that of Venice (on 31 December 1923), demonstrated his dissent as an artist (he successfully took part - winning prizes - in several Biennali between the '20's and '30's) by immortalizing the island's symbol - the cockeral - within a series of murrine which he even set in the Venetian-style floor of his house.
If the origins of the artistic murrina can now be traced back to the year 1000 B.C., in the north-west of Iran (where for the first time a glass-maker produced a glass with five human figures and an animal), the technique of murrino glass was destined to soon disappear from the Egyptian, Greek and Roman furnaces, ousted by the more economical blown glass.

To find it on Murano, we have to wait until the second half of the XV century when Maria Barovier's furnace gave birth to the rosetta bead, which was also used - by incorporating it when hot - to decorate small vases. Then there was another dormant period until 1830 when the craftsman Domenico Bussolin created the Millefiori rods and set them side by side with the traditional filigree ones.

Nevertheless, another decade was to pass before the bead-makers Giovanni Battista and Giacomo Franchini invented a series of creations and portraits so as to inaugurate the "trend" of the modern artistic murrina. Using the typical techniques of their trade, the Franchinis worked the rods with the help of the flame and small moulds, gradually adding rods to make increasingly more complex patterns. The figured murrine by the two bead-makers date from between 1843 and 1863.

However, the person who was to bring the production of the murrina back to the most typical of the Murano work places, that is to say the furnace, was Vincenzo Moretti (1835-1901). He was to hand down the tradition to his son Luigi (1867-1946) and - through the latter - to his grandson Ulderico (1892-1956) who was to become the father of Giusy Moretti. The work of the Moretti family - as regards the artistic murrine - can be dated between 1873 and 1924. Finally, we must mention the murrine made between 1915 and 1924 by another great master, Giuseppe Barovier (1853-1942). Therefore the artistic murrine which are part of the Giusy Moretti inheritance, are today considered genuine, unique collector's items.
So the "rediscoverer" and exponent of murrino glass (also known on Murano as "mosaic glass") was Vincenzo Moretti whose work to retrieve Roman techniques did not begin with artistic murrine: bowls and vases, created by arranging numerous cross-sections of glass rods on a metal plate in order to form a predetermined pattern, were above all the subject of his initial research.

The metal plate was brought close to the furnaces where the various cross-sections, on melting, naturally fused together to form a sheet of glass bearing the pattern; said sheet, gathered up to be further worked with a blowpipe, acquired the desired form thanks to the ability of the master glass-blower.

Similar, but substantially different, is the procedure behind the murrina portraits: these are obtained by putting many thin, differently coloured glass rods side by side to form a cyclinder (called massello) 10 centimetres in diameter and 20 centimetres long. Thus the pattern ran all the way down the inside of the massello: on the front was the desired picture, on the back its mirror image, as in a slide.

The cylinder, tightly bound with a copper wire, was slowly heated at the furnace mouth and, when the glass reached the right fluidity, was pulled to become a long rod. The various cross-sections of this rod, cooled and cut into small rounds, are the artistic murrine - and therefore the portraits - just as they have been handed down to the present day.

Today much of the historical and experimental research carried out by Vincenzo Moretti forms the foundation of the present-day working of modern murrino glass: his "palette" of compatibility of glass and colours, whose purpose - when different vitreous components were put side by side - was to avoid breakages during the cooling process, is still one of the clearest examples of the boost he and his family gave to present-day glass-making on Murano.
GIOIELLI NEI GIOIELLI

Dalla solida collaborazione con il maestro d’arte orafa, Andrea Zecchin, nascono delle raffinate ed esclusive creazioni.


Il personalissimo design dei monili e la finezza del lavoro di oreficeria fanno da cornice alle rare e ineguagliabili, per bellezza e preziosità, miniature in vetro, realizzate tra il 1873 e il 1924.

Le murrine racchiudono in sé un valore storico ed artistico senza paragone ed accompagnate a materiali nobili come l’oro e le pietre preziose, che ne riflettono la luce, danno vita a modelli esclusivi, pezzi unici come unici, e limitati nel numero, sono gli stessi piccoli capolavori di vetro.

Spille, anelli, bracciali, orecchini, gemelli e collane vengono disegnati e realizzati artigianalmente tenendo ben presente il soggetto che andranno a contenere.


L’ Uovo del Gallo

rappresenta l’ultima originale creazione che esalta il pregio delle murrine dando ideale continuità e rendendo omaggio all’espressione artistica di quei maestri che attraverso di esse davano libero sfogo al loro sentimento d’amore per il vetro.


Incastonata nel L’ Uovo del Gallo, pomposamente adornata da ricami in filo d’oro e intagli, contornata da pietre preziose, come i rubini e i diamanti, riflessa nel nobile metallo che la contiene, la murrina diviene la protagonista assoluta di questo gioiello.


L’ Uovo del Gallo esce dalla bottega orafa nei modelli anello e pendentif, veri pezzi da collezione.
Giusy Moretti - che sarà sempre legata al padre Ulderico ed al suo lavoro - ama raccontare come fin da piccola, contenute in una scatola di cartone, le fossero state regalate queste piccole, coloratissime, meravigliose miniature in vetro, frutto del lavoro del genitore, del nonno e del bisnonno.


Dai giochi di bambina alle gallerie d'arte del mondo il passaggio non stato certo automatico: l'incastonare le "gemme dell'arte artigianale italiana" in montature d'oro e pietre preziose - dando vita ad una strabiliante ed assolutamente inedita collezione di gioielli - è frutto di una maturazione professionale derivante dall'avere sempre amato profondamente il lavoro della sua famiglia.


Giusy Moretti inizia a diffondere la propria collezione solo negli anni '90, quando decide di far rivivere l'antica arte della murrina aprendo al mondo - fino ad esaurimento - questa singolare ed affascinante finestra sui Moretti e la loro storica attività. Prima di allora si era sempre limitata a tenere per sè le proprie creazioni, abbinando ogni nuovo gioiello ad un momento particolare della vita, o alle ricorrenze importanti.


Tutti i modelli, esclusivi (e limitati all'esistenza fisica delle murrine componenti la collezione), vengono disegnati e realizzati tenendo ben presente il soggetto che andranno a contenere: spille, anelli, bracciali, orecchini e collane dei quali non solo il design, ma anche il lavoro di oreficeria viene seguito da vicino.

Con una carica passionale ed emotiva che non ha riscontro.

Perchè‚ per Giusy Moretti realizzare un gioiello non è un lavoro: è dare una ideale continuità all'opera del padre Ulderico, del nonno Luigi e del bisnonno Vincenzo che, terminato il compito quotidiano della produzione commerciale, nella creazione delle murrine davano libero sfogo al sentimento d'amore per il vetro, unito alla sanguigna partecipazione per gli eventi storici del Paese e dell'isola, dei quali si sono resi - alla loro maniera - sicuri protagonisti.
"Riscopritore" ed interprete del vetro murrino (conosciuto a Murano anche come "vetro mosaico") fu dunque Vincenzo Moretti, il cui lavoro di recupero delle tecniche romane non iniziò con le murrine artistiche: oggetto dei suoi primi studi furono soprattutto ciotole e vasi, ottenuti disponendo su di una piastra metallica numerose sezioni di canna di vetro in maniera da formare un disegno prestabilito.
L'avvicinamento ai forni della piastra, ed il naturale saldarsi - fondendo - delle diverse sezioni, danno luogo al formarsi di una piastra vitrea riportante il disegno;

Simile, ma sostanzialmente differente, la lavorazione che da luogo ai ritratti in murrina: questi vengono ottenuti attraverso l'accostamento di tante sottili canne di vetro di colore diverso, fino ad ottenere un cilindro (detto massello) di 10 centimetri di diametro, lungo 20 centimetri.

Il massello riportava dunque il disegno al proprio interno per tutta la lunghezza: sul fronte c'era la composizione realizzata, sul retro il suo opposto speculare, come in una diapositiva.

Il cilindro, ben legato con filo di rame, veniva riscaldato poco a poco sulla bocca del forno, e quando il vetro assumeva la giusta fluidità, tirato fino a diventare una lunga canna.

Le diverse sezioni di questa canna, tagliata in piccoli dischi una volta raffreddata, altro non sono se non le murrine artistiche - e quindi i ritratti - così come ci sono stati tramandati fino ad oggi. Oggi gran parte degli studi storici e sperimentali effettuati da Vincenzo Moretti stanno alla base dell'attuale lavorazione del vetro murrino moderno: la sua "tavolozza" di compatibilità dei vetri e dei colori, tesa ad evitare - con l'accostamento di diverse componenti vetrose - rotture al momento del raffreddamento, è ancora uno dei più limpidi esempi dell'impulso dato da lui e dalla sua famiglia alla vetraria muranese odierna.
La vetraria muranese di fine ottocento trova in Vincenzo Moretti (1835-1901) uno dei suoi interpreti più preparati e sensibili.

A lui si deve infatti - nella sua qualità di tecnico-compositore della "Compagnia di Venezia e Murano" di Antonio Salviati - l'introduzione nell'isola del vetro murrino con le stesse modalità con cui veniva prodotto in epoca alessandrina e romana.

Medaglia d'oro alla seconda esposizione vetraria muranese del 1869, l'apoteosi dei vetri del Moretti si avrà nel 1878, nel corso dell'esposizione universale di Parigi, dove i vetri dell'abile tecnico vengono definiti "la gemma più bella dell'arte artigianale italiana".

Sono questi anni di grande fermento nell'isola, appena liberata dalle pressioni austroungariche che ne avevano ridotto la produzione al lumicino in favore dei più blasonati vetri di Boemia.

Il movimento di recupero delle antiche tecniche, dovuto ad una sorta di rivalsa artistica (che, assieme ad Antonio Salviati, vedrà protagonista nell'isola muranese l'abate Vincenzo Zanetti, al quale si deve la definizione di vetri "murrini", mutuata dalla Naturalis Historia di Plinio il Vecchio), culminerà con la produzione di alcuni mirabolanti ritratti in murrina, non a caso a sfondo patriottico: assieme al figlio Luigi (1867-1946), che ne continuerà l'opera, dopo i primi motivi geometrici, i fiori e gli uccellini, nascono dunque i regnanti Vittorio Emanuele II ed Umberto I, Giuseppe Garibaldi, Francesco Giuseppe, Guglielmo di Prussia; la raffigurazione della Madonna, Papa Leone XIII e Cristoforo Colombo, creato per il quattrocentenario della scoperta d'America.

E che le murrine artistiche, al di là della produzione della ditta (Luigi Moretti, col padre ed i fratelli Vittorio e Cesare, diede vita nel 1900 alla "Moretti Luigi & F.lli"), siano una vera e propria passione, diventa chiaro anche con Ulderico (1892-1956), che dopo l'annessione del Comune di Murano a quello di Venezia (1923) manifesta il suo dissenso di artista
Se le origini della murrina artistica vengono oramai ricondotte al 1000 Avanti Cristo, nel nord-ovest dell'Iran (dove un vetraio per la prima volta realizzò un bicchiere con cinque figure umane ed un animale), la tecnica del vetro murrino sarà destinata a scomparire dalle fornaci egiziane, ellenistiche e romane molto presto, soppiantata dai più economici vetri soffiati.


Per ritrovarla, a Murano, bisognerà aspettare la seconda metà del 1400, quando nella fornace di Maria Barovier venne data vita alla perla "rosetta", utilizzata - inglobandola a caldo - anche a decorazione di piccoli vasi. Poi ancora un lungo silenzio fino al 1830, quando l'artigiano Domenico Bussolin creò e accostò le cannelle "Millefiori" a quelle tradizionali in filigrana.


Ma sarà necessario aspettare ancora un decennio prima che i perlai Giovanni Battista e Giacomo Franchini diano vita ad una serie di realizzazioni e ritratti tali da inaugurare il "filone" della moderna murrina artistica.

Utilizzando le tecniche tipiche della loro disciplina, i Franchini lavoravano le canne con l'ausilio della fiamma e di piccoli stampi, e accostando via via canne con disegni sempre più complessi. Le murrine figurate dei due perlai si situano tra il 1843 ed il 1863.


Ma chi riporterà la lavorazione della murrina nel più classico dei luoghi di lavoro muranesi, la fornace, sarà Vincenzo Moretti (1835-1901), che ne tramanderà la tradizione al figlio Luigi (1867-1946) e - attraverso quest'ultimo - al nipote Ulderico (1892-1956), che diverrà padre di Giusy Moretti.


Il lavoro dei Moretti - per quanto riguarda le murrine artistiche - E' databile tra il 1873 ed il 1924. Tra il 1915 ed il 1924 vanno infine segnalate le murrine di un altro grande maestro, Giuseppe Barovier (1853-1942). Oggi dunque le murrine artistiche che fanno parte dell'eredità di Giusy Moretti sono autentici pezzi da collezione irriproducibili.
Gold Ruby Earrings (detail)
Four Murrine "The Roosters" made by Ulderico Moretti in 1923 - Jewel design Giusy Moretti
Loading...
Il Capodanno Cinese ha sancito l’inizio dell’anno del Gallo di Fuoco.

www.blogdeipreziosi.it/2017-la…
embedded_item1486976511726 by giusymoretti

deviantID

giusymoretti's Profile Picture
giusymoretti
Giusy Moretti
Artist | Professional | Artisan Crafts
Italy
The artistic legacy of the master glassmakers Moretti (Venetian Glass Miniatures from 1870 to 1923)

Comments


Add a Comment:
 
No comments have been added yet.